Gallo (5 Stelle): "Il tempo pieno eviterà il taglio delle cattedre a Sud"

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Gallo (5 Stelle): "Il tempo pieno eviterà il taglio delle cattedre a Sud"

Del tempo pieno al Sud è molto che se ne parla, e l'idea la vorrebbe concretizzare Luigi Gallo, che è il presidente della commissione Cultura alla Camera.

Quello che servirebbe al Sud sono infatti iniziative culturali in quelle zone dove si avverte maggiormente il degrado. Lui stesso ne parla in un'intervista fatta da OrizzonteScuola, dove dichiara che le scuole dovrebbero essere un presidio per l'aggregazione di attività educative e culturali. 

Scuole come zone di confine

La caratteristica di alcune scuole è che sembrano delle vere e proprie zone di confine, dove vige un costante coprifuoco.

In questi luoghi devastati, spesso presieduti dalla mafia o dalla camorra, è la scuola l'unico punto di riferimento per un futuro migliore.

La scuola come luogo di iniziative culturali

Può essere proprio la scuola, in questo periodo, ad avere come obiettivo la promozione di una cultura della legalità, consentendo ad enti ed associazioni di organizzare le loro attività proprio a scuola. Loro compito potrebbe essere anche quello di far comprendere il valore didattico delle attività formative in queste zone.

Obiettivo: ridurre il divario Nord-Sud

La distanza che divide il Nord Italia dal Sud Italia, va necessariamente ridotta, secondo Gallo in uno spazio di cinque anni.   

Del resto, è proprio il contratto di governo che prevede una riduzione dei gap tra le varie regioni, e il tempo pieno è una delle differenze che c'è tra le regioni meridionali e le regioni settentrionali.

Tagli di cattedre al Sud? 

La misura della riduzione degli insegnanti al Sud non è contraddittoria, perché purtroppo dipende dal calo degli studenti che frequentano le classi in ogni ordine e grado in Meridione.

È quindi una decisione che è conseguente alle cifre registrate dagli uffici scolastici. In base alla richiesta, i dirigenti scolastici stabiliscono il numero di insegnanti da attribuire a ogni scuola, e quindi dietro ciò non c'è nessuno stratagemma politico.

Il tempo pieno come livellatore sociale

Il tempo pieno dunque non servirà per andare a creare una misura di compensazione per il taglio delle cattedre, ma per rendere più omogenee le situazioni differenti tra Nord e Sud Italia.

Inoltre ci sono altri aspetti che questa misura andrà a diminuire sicuramente, come le carenze educative e la dispersione scolastica.

Scuole aperte di sera

Anche il prolungamento dell'orario di lavoro fino a sera è una delle idee del governo. Sicuramente può richiedere molte risorse e molto tempo a disposizione, ma bisognerebbe farlo senza pesare troppo sul sistema già in essere.

L'obiettivo non è certo quello di far lavorare gli insegnanti dal mattino alla sera, ma far diventare la scuola un luogo pubblico di cui tutti possono fruire. 

Le attività collaterali

Prima di tutto, bisognerà far passare il tempo pieno a scuola, poi si potrà iniziare a ragionare di attività collaterali. Soprattutto in quei paesi o città il cui tasso di povertà è particolarmente alto.

Il pomeriggio infatti, in alcune zone molto a rischio i bambini potrebbero essere vittime della criminalità organizzata. 

Bisogna dunque ridurre al minimo questa possibilità, e fornir loro delle alternative valide e concrete, per evitare che si allontanino dal mondo della scuola per finire in ben altre mani.

 



DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio