Reggio Emilia, i sindacati: “Mancano supplenti per infanzia e primaria. E un docente su tre è precario”

-
Aggiornamento GPS 2022 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI
Reggio Emilia Supplenti

Per i sindacati provinciali di categoria Cgil-Cisl-Uil i numeri della precarietà a Reggio Emilia non sono mai stati così alti, con un operatore scolastico su tre che si trova a lavorare con un contratto a tempo determinato.  

Altra criticità sottolineata dai sindacati è quella riguardante l’assenza dei supplenti, in particolare per le scuole dell’infanzia e le scuole primarie. Le graduatorie sono infatti quasi esaurite e saranno quindi tante le convocazioni da Messa a Disposizione.

Vi è poi anche il tema dei ricorsi dei diplomati magistrali, che rischiano di essere esclusi dall’insegnamento con il loro titolo.  

I numeri dei precari 

Nel dettaglio in tutta la provincia sono 8.633 i lavoratori della scuola, tra docenti e collaboratori scolastici, tecnici o amministrativi. Di questi 2.577 sono precari, ovvero il 30% del totale contro la media nazionale del 23%.

Il personale ATA a tempo determinato è di 438 unità sul totale di 1.696, il 25% del totale.  

Tra i docenti di scuole primarie e medie non è invece stabile il 30% del personale (1.376 su 4.565), mentre la percentuale di precari più alta si ha alle scuole superiori con il 32% del totale (763 su 2.402).


Aggiornamento GPS 2022 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio
02 400 31 245