Mobilità docenti di sostegno: il Miur non fa valere preruolo nel vincolo quinquennale

di: Redazione - 06/04/2018
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Mobilità docenti di sostegno: il Miur non fa valere preruolo nel vincolo quinquennale

Scegliere di fare l’insegnante di sostegno comporta l’obbligo di rimanere sul ruolo per almeno cinque anni: la norma, che impedisce di passare su cattedra comune per i primi 60 mesi dall’assunzione, è stata confermata dall’ultima riforma, la Legge 107/2015.

“Senza, però – ricorda l'Anief in un comunicato - che si eliminasse l’insensata differenziazione tra il servizio pre e post contratto a tempo indeterminato. Il risultato di questa ennesima discriminazione è che in questi giorni di compilazione delle domande di mobilità 2018/2019, con almeno 200mila interessati, vi sono tanti docenti di sostegno di ruolo che risultano impossibilitati a presentare la loro candidatura pur avendo svolto il servizio quinquennale richiesto”.

Secondo il sindacato Anief, “al personale docente di ruolo su posto di sostegno va conteggiato anche il periodo svolto precedentemente, da precario senza soluzione di continuità, sulla stessa tipologia di posto: di fatto, gli anni validi ai fini del raggiungimento del quinquennio sono sia quelli svolti da precari, sia successivamente alla stipula del contratto di assunzione in ruolo, sempre su sostegno”.

“Su questa lunghezza d’onda – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – si sono anche sintonizzati tutti i tribunali del lavoro, specialmente dopo le sentenze delle sezioni unite della Corte Cassazione che riconoscono la parità di trattamento tra personale a tempo determinato e indeterminato. Noi siamo convinti che tale espressione non può rimanere lettera morta: per questo, invitiamo tutti gli insegnanti di sostegno che hanno superato l’anno di prova ed in precedenza svolto servizio sullo stesso posto, per un periodo complessivo di almeno cinque anni, a rivolgersi al nostro sindacato per presentare domanda di mobilità entro il prossimo 26 aprile”.

A stabilirlo, in particolare, è stata la sezione lavoro della Suprema Corte, attraverso un’ordinanza emessa il 1° agosto scorso, la n. 19136, che nei fatti conferma la sentenza della Corte di Appello di Torino la quale affermava che la nota clausola 4, in quanto precisa ed incondizionata, prevale sul diritto interno laddove la natura, la durata e la frequenza delle prestazioni lavorative non differiscono, in fatto, da quelle del personale assunto a tempo indeterminato.

Per ricorrere contro il vincolo quinquennale su sostegno solo di ruolo è necessario presentare domanda di trasferimento, chiedendo il passaggio da sostegno a posto comune/curricolare.

INVIA ORA IL TUO CURRICULUM ALLE SCUOLE


DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio