Docenti ancora molto ricercati su isole e comunità montane: il governo prevede incentivi per il trasferimento

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Aggiornamento GPS 2022 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI
Docenti ancora molto ricercati su isole e comunità montane: il governo prevede incentivi per il trasferimento

Chi ha davvero voglia di lavorare come insegnante potrebbe approfittare di opportunità inaspettate. Infatti, diversi docenti sono richiesti in zone geografiche più limitrofe, ad esempio sulle isole e in montagna.

In alcuni istituti scolastici, infatti, a tre mesi dall'inizio della scuola, ancora non si sono trovati gli insegnanti necessari.

A Ustica e Linosa cercano insegnanti

Ad Ustica la scuola dell’infanzia ha riaperto dopo la metà di ottobre, mentre la primaria e le medie sono partite regolarmente ma senza alcuni docenti, tanto che l’insegnante di matematica è arrivato soltanto dieci giorni fa.

Ma la situazione sulla piccola isola in provincia di Palermo è la stessa di Linosa, isolotto appartenente all’Agrigentano e di molte altre scuole delle piccole isole e dei territori montani, dove ritardi e giorni di lezione persi sono purtroppo all’ordine del giorno, come denunciato anche da tante famiglie. 

Per garantire il diritto all’istruzione anche in questi territori, questo giovedì è stata approvata in commissione Cultura della Camera, una risoluzione unitaria che impegna il governo a intervenire soprattutto con incentivi economici al personale scolastico, docente e non. 

Per le circa 250 istituzioni scolastiche delle piccole isole e dei territori montani, il problema principale è convincere insegnanti, bidelli e amministrativi a trasferirsi in queste zone. 

Quante sono le piccole scuole in Italia


Secondo i dati dell’Indire, l’Istituto nazionale documentazione, innovazione e ricerca educativa, in Italia ci sono 7.435 piccole scuole primarie (con 529.757 alunni) e 1.688 piccole scuole secondarie di primo grado (con 73.114 studenti).
"Nelle piccole isole e nei comuni montani il diritto all’istruzione è spesso parziale se non addirittura negato – ricorda la presidente della commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera, Vittoria Casa, tra i firmatari della risoluzione approvata –. In tutta Italia c’è una situazione di generale precarietà, con scuole che hanno iniziato in ritardo o che fino a tempi recenti hanno avuto cattedre ancora scoperte".
Con la risoluzione, spiega Casa, «il parlamento impegna il governo a garantire l’autonomia scolastica, a dare incentivi ai lavoratori pendolari, a favorire soluzioni per alloggiare sul luogo, a programmare e finanziare progetti specifici - in collaborazione con enti locali e regionali - per i territori fragili, ad assicurare l’esistenza delle scuole come presidi del territorio e a limitare la formazione delle pluriclassi».

"Garantire l'istruzione è un dovere istituzionale"

«Intervenire per garantire il diritto all’istruzione nei territori svantaggiati è un dovere costituzionale – ricorda la deputata del M5s –. Su autonomia e dimensionamento scolastico occorrono segnali concreti anche nella prossima legge di Bilancio».
In proposito, tra gli emendamenti “segnalati”, quelli cioè che hanno una buona possibilità di essere accolti, c’è n’è anche uno del M5s che prevede finanziamenti specifici per questa particolare tipologia di scuole.

Di «segnale molto positivo», parla la capogruppo M5s in commissione Cultura della Camera, Alessandra Carbonaro, ricordando che «bisogna puntare all’autonomia scolastica e lavorare sul dimensionamento scolastico, come il Movimento 5 Stelle sta facendo anche in legge di Bilancio. L’approvazione di questa risoluzione da parte di tutte le forze di maggioranza avvalora e rafforza il nostro lavoro», conclude Carbonaro.


Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Aggiornamento GPS 2022 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI

Approfondisci l'argomento con un consulente

Domanda di Messa a disposizione
Iscriviti alla newsletter
NON HAI ANCORA CONSEGUITO I 24 CFU
Sei ancora in tempo per conseguirli!
Articoli più letti

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio
02 400 31 245