Ministro Bussetti a Unomattina: "Niente tagli e corsi di specializzazione per 40mila insegnanti"

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Aggiornamento GPS 2022 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI
Ministro Bussetti a Unomattina: "Niente tagli e corsi di specializzazione per 40mila insegnanti"

Il Ministro dell'Istruzione Marco Bussetti è intervenuto oggi nel corso della trasmissione televisiva “Unomattina” per parlare di scuola e delle novità in lavorazione.

Niente cambiamenti radicali per la scuola

"Ordine e stabilità nessun cambiamento radicale per la scuola". Così ha dichiarato il Ministro Bussetti a Unomattina, se non “il tema del reclutamento, che vogliamo migliorare”.

Insegnanti di sostegno: previsti corsi e specializzazioni

"Quello degli studenti disabili è un tema che mi sta molto a cuore", così afferma il Ministro Bussetti parlando degli alunni che necessitano di sostegno, ricordando che è prevista l'uscita, per il 2019, di un corso di specializzazione ad hoc che coprirà almeno 40mila posti.

Particolare attenzione va dedicata al settore, quindi, i cui problemi sono stati evidenziati anche da un report dell'Istat, nel quale si constata che

“soltanto il 32% delle scuole risulta accessibile dal punto di vista delle barriere fisiche: più critica la situazione del Mezzogiorno dove il 26% di scuole è a norma. Il quadro peggiora se si considera la presenza di barriere senso-percettive che ostacolano gli spostamenti delle persone con limitazioni sensoriali: la percentuale di scuole accessibili scende al 18%, anche in questo caso la quota più bassa si registra nelle regioni del Mezzogiorno (13%)”.

Iscrizioni nuovo anno scolastico: come funzionerà

Le iscrizioni alle scuole primarie, medie e superiori da quest'anno si potranno fare online, tramite il sistema digitale Spid, al quale i genitori degli studenti dovranno già essere registrati.

Bussetti ha affermato che le iscrizioni sono “un tema importante: una priorità e tante iniziative che stiamo portando avanti le pensiamo in base alle persone, ai nostri studenti”.

Per il Ministro, il rapporto tra famiglia e insegnanti “deve accompagnare la vita dello studente sempre, non solo nel momento della scelta della scuola. È importante il confronto perché la visione che i genitori a volte hanno dei propri figli” può essere diversa dalla “prospettiva degli insegnanti”.

Per la scelta del percorso di studi è necessaria condivisione

Le scelte unilaterali del corso di studi creano danni a cui poi è difficile porre rimedio. Infatti spesso accade che siano i genitori a scegliere per i figli spingendoli verso un percorso di studi piuttosto che un altro. Questo è un problema facilmente risolvibile se le famiglie riuscissero a comunicare di più con le scuole, per capire quali sono i reali interessi e attitudini dei propri figli.

In merito a ciò il Ministro ha affermato che “ci dimentichiamo del termine ‘attitudini’, di che cosa vogliono fare gli studenti. Occorre essere sinceri con sé stessi”.


Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Aggiornamento GPS 2022 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI

Approfondisci l'argomento con un consulente

Domanda di Messa a disposizione
Iscriviti alla newsletter
NON HAI ANCORA CONSEGUITO I 24 CFU
Sei ancora in tempo per conseguirli!
Articoli più letti

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio
02 400 31 245