Servizio nelle paritarie va riconosciuto come quello nella scuola pubblica

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Servizio nelle paritarie va riconosciuto come quello nella scuola pubblica

Il servizio nella scuola paritaria deve essere riconosciuto: questo ha stabilito il Tribunale di Vicenza, a seguito della richiesta di un docente di vedersi riconosciuti gli anni di servizio svolti in una scuola paritaria.

L'insegnante dovrà percepire anche le differenze retributive che non sono state corrisposte dal Miur.

Legge sulla ricostruzione carriera

La legge sulla ricostruzione della carriera degli insegnanti è stata elaborata prima dell'introduzione delle scuole paritarie, e questo è il motivo del mancato riconoscimento. 

Ad evidenziare ciò è stato proprio il Giudice del Lavoro; infatti le regole che riguardano la ricostruzione della carriera soprattutto per valutarla a fini giuridici ed economici, sono state elaborate nel 1994, mentre la legge che istituisce le scuole paritarie è del 2000.

Pagamento delle differenze retributive

Il sindacato della Scuola, l'Anief, ottiene quindi piena ragione.

La docente che ha fatto ricorso si vedrà quindi riconoscere l'anzianità di servizio che ha maturato tramite il lavoro con contratti a termine nella scuola paritaria.

Il Ministero dell'Istruzione dovrà quindi posizionare la docente nella fascia di stipendio che equivale al servizio da lei maturato presso la scuola paritaria.

Dovrà inoltre pagare alla ricorrente la differenza retributiva che gli è dovuta.

Discriminazione per insegnanti delle scuole paritarie

Secondo Marcello Pacifico, presidente di Anief, il Miur discrimina ancora chi lavora nelle scuole paritarie, perché non lo considera al fine della ricostruzione carriera e nemmeno per graduatorie interne d'istituto o mobilità.

Le norme di questo settore però sono molto chiare, e si specifica che il servizio nella scuola pubblica e quello nelle scuole paritarie sono equiparati.

Anief contro le discriminazioni

Anche in tribunale Anief continuerà a difendere i diritti dei lavoratori, e durante le contrattazioni collettive, insistendo sul fatto che queste discriminazioni non saranno più tollerate.


DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio