Questo sito utilizza i cookie. Proseguendo nella navigazione ne accetti l’utilizzo (cookie policy)

Messa a disposizione: le cose da sapere su regole di invio, sanzioni, abbandono servizio

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Messa a disposizione: le cose da sapere su regole di invio, sanzioni, abbandono servizio

Ecco le indicazioni e le disposizioni relative alle domande di messa a disposizione, alla luce del DM n. 51/2021 e della circolare sulle supplenze a.s. 2021/22.

1. Le domande:

– possono essere presentate dai docenti non inseriti in nessuna graduatoria provinciale e di istituto. Tuttavia, l'ordinanza non ha valenza di legge, e molto difficilmente le scuole riusciranno a controllare che le mad di un candidato non siano state inviate altrove. Pertanto, molti docenti inviano comunque mad anche se iscritti in GPS;

– possono essere presentate per una sola provincia (vale quanto specificato sopra);

– sono rese in autocertificazione, ai sensi del DPR n. 445/2000, e devono contenere tutte le dichiarazioni utili ai fini della verifica dei suddetti requisiti, ivi compresi gli estremi del conseguimento del titolo di abilitazione e/o specializzazione.

2. i docenti abilitati/specializzati, che hanno presentato la MAD, hanno la precedenza nell’attribuzione delle supplenze rispetto ai non abilitati/specializzati;

3. gli eventuali contratti stipulati sono soggetti agli stessi vincoli e criteri previsti dall’OM n. 60/2020, ivi incluse le sanzioni indicate nell’articolo 14.

Sanzioni

Ritornando al punto 3 di cui sopra, possiamo dire che le sanzioni applicabili (previste dall’art. 14 dell’OM 60/2020), considerato che nella circolare (come riportato) si parla di contratti già stipulati, sono quelle relative all’abbandono del servizio:

comma 1 – punto a) – l’abbandono del servizio comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, sia sulla base delle GAE e delle GPS che sulla base delle graduatorie di istituto, per tutte le graduatorie di tutti i posti o classi di concorso ove l’aspirante è inserito;

comma 1 – punto b) – l’abbandono del servizio comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, conferite sulla base delle graduatorie di istituto, per tutte le graduatorie di inserimento.

Il punto a) è riferito alle supplenze attribuite da GaE e GPS, mentre il punto b) a quelle attribuite da graduatorie di istituto. Nel caso dei docenti nominati tramite MAD, l’impossibilità di conseguire supplenze dovrebbe riguardare tutte le scuole della provincia in cui è stata inviata la domanda di messa a disposizione (ciò tuttavia andrebbe esplicitamente indicato/chiarito dal Ministero).

Accettazione di altra supplenza: regole

Le supplenze conferite tramite MAD, essendo le stesse attribuite in caso di esaurimento delle Graduatorie di istituto:

  • non possono essere lasciate per un’altra supplenza breve e temporanea;
  • potrebbero essere lasciate per un’eventuale supplenza al 30/06 o al 31/08 (assegnata naturalmente sempre tramite MAD in una delle scuole della provincia scelta, qualora vi sia la relativa disponibilità, alla luce di quanto detto sopra).

Approfondisci l'argomento con un consulente


DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio
02 400 31 245