Carta del docente ai precari, il Tribunale di Vercelli riconosce 2.500 euro di arretrati a una supplente. Come fare richiesta?

-
Aggiornamento GPS - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI
bonusdocente2007

Dal Tribunale di Vercelli arriva un’altra importantissima sentenza nella rivincita dei precari sul bonus da 500 euro mai assegnato loro. 

Parliamo della carta del docente di cui il Tribunale di Vercelli ha riconosciuto anche gli arretrati a una supplente, difesa dai legali del sindacato Anief.

Il Ministero è stato così condannato a provvedere al pagamento di tutte le annualità negate, per un totale di 2.500 euro dal 2015/16 al 2020/21. 

Il precedente della Corte Europea 

La sentenza si dimostra in linea con quanto aveva sancito la VI sezione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea lo scorso maggio, quando accolse la tesi secondo cui l’erogazione del bonus al solo personale di ruolo fosse in contrasto con il divieto di discriminazione, inserito nell’accordo quadro europeo sul lavoro a tempo indeterminato.

Le competenze svolte da docenti di ruolo o supplenti sono infatti le medesime e medesimi devono essere i bonus e dunque i diritti concessi. 

Carta del docente, come richiederla 

Le porte che si aprono sono davvero interessanti per i docenti precari. Meno per le casse dello Stato.

Sempre secondo il sindacato Anief, i ricorrenti aventi diritto a richiedere a loro volta i 2.500 euro sarebbero attorno ai 200mila, circa mezzo miliardo di risarcimenti potenziali. 

L’invito, per tutti coloro che non hanno ricevuto questo bonus, è dunque quello di richiederlo, meglio se con il supporto di un sindacato. 

Ad essere necessaria sembra quindi essere un’azione legale preceduta dall’invio di una diffida tramite Pec all’indirizzo certificato del Ministero e da un ricorso al giudice del lavoro competente, determinato dal luogo in cui attualmente si lavora.

Questi i requisiti per presentare ricorso: 

  • Essere stati in servizio a tempo determinato con contratto fino al 30 giugno o al 31 agosto, in uno o più anni dal 2016/17 fino all’anno scolastico in corso
  • Avere oggi un contratto a tempo indeterminato ma con almeno un contratto di supplenza al 30 giugno o al 31 agosto dal 2015/16 in avanti

Dovrebbero invece rimanere esclusi i precari delle scuole paritarie.

Carta del docente, come investirla 

Il bonus da 500 euro va investito in materiali riguardanti il mondo della scuola o in corsi inerenti alla propria formazione. Quindi libri o pc ma anche certificazioni che possono permettere l’acquisizione di punti in graduatoria. 

Non rientrano nella lista le certificazioni di lingua ma quelle sulle competenze digitali sì. A questo link vi mostriamo l’offerta a riguardo di soloformazione.it 


 


Aggiornamento GPS - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio
02 400 31 245