Carenza supplenti: in cattedra anche studenti al primo anno di Lettere, il caso in provincia di Modena

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Aggiornamento GPS 2022 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI
Carenza supplenti: in cattedra anche studenti al primo anno di Lettere, il caso in provincia di Modena

La carenza di docenti continua ad avere importanti ripercussioni sulle scuole italiane. L'ultimo dei casi emblematici riguarda una scuola primaria della provincia di Modena, dell’area carpigiana, dove per una supplenza è stato chiamato un giovane diciannovenne modenese alla sua prima esperienza di insegnamento in una scuola, iscritto al primo anno del corso di laurea in Lettere moderne all’università di Bologna.

A segnalare il fatto, riportato dal Resto del Carlino di Modena, è il segretario del sindacato scuola Flc Cgil Modena Claudio Riso: "Sono numerosi i casi analoghi – afferma il sindacalista –. Già a fine settembre molte scuole primarie e dell’infanzia hanno iniziato a chiamare come supplenti giovanissimi studenti del secondo e terzo anno di Scienze della formazione primaria (tradotto: personale di buona volontà ma che non ha il titolo per insegnare)".

Accade anche che le chiamate riguardino giovani in possesso di semplici diplomi o di lauree poco attinenti alla materia di insegnamento, perché il discorso vale non solo per primarie e medie inferiori, ma anche per gli istituti superiori. Come è possibile? "Queste persone mandano la Mad, cioè la "Messa a disposizione", – spiega Riso – per cui si invia a un certo numero di scuole la propria disponibilità e le scuole, messe alle strette, non trovando persone cui attingere attraverso le graduatorie chiamano da Mad. In qualche caso capita che si trovino persone che hanno il titolo di studio richiesto e, quindi, la formazione necessaria, ma se hanno mandato la ’Mad’ da Lecce o Reggio Calabria non vengono qui a coprire un incarico di una settimana o 15 giorni. E allora si va a chiamare un laureato in Psicologia, che non è abilitato per insegnare, o una studentessa di Scienze della formazione primaria, o un semplice diplomato".

"Valanghe di graduatorie con classi di concorso esaurite"

"Il personale assente – attacca Riso – non si riesce a sostituire: per le scuole secondarie ci sono valanghe di graduatorie con classi di concorso esaurite e quindi non ci sono supplenti. Per le scuole dell’infanzia e la primaria è ancora peggio". Le carenze non riguardano solo l’organico, poiché in questi mesi non si è risolto il problema del distanziamento e del sovraffollamento delle classi, le scuole non sono state dotate delle mascherine Ffp2, i trasporti non sono stati potenziati. "Il rischio caos nella scuola – conclude Riso – è possibile e nel caos vince il più forte, quello che ha più mezzi e più risorse, anche e soprattutto materiali. Da questa consapevolezza credo che occorra partire tutti, per contrastare l’impoverimento della scuola pubblica e l’aumento delle disuguaglianze".


Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Aggiornamento GPS 2022 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI

Approfondisci l'argomento con un consulente

Domanda di Messa a disposizione
Iscriviti alla newsletter
NON HAI ANCORA CONSEGUITO I 24 CFU
Sei ancora in tempo per conseguirli!
Articoli più letti

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio
02 400 31 245