Diventare insegnante di sostegno: potrebbero accedere anche i laureati con 24 CFU

di: Carla Sandrelli - 06/11/2018
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Diventare insegnante di sostegno: potrebbero accedere anche i laureati con 24 CFU

Con la nuova legge di bilancio in fase di approvazione entro il 31 dicembre 2018 ci potrebbero essere consistenti novità per gli aspiranti insegnanti di sostegno.

Infatti, con tale legge il governo vuole andare a rivedere ancora una volta il sistema di formazione e reclutamento degli aspiranti insegnanti, e per farlo potrebbe essere modificato il decreto legislativo 59/2017, uno dei decreti della cosiddetta legge sulla “Buona Scuola”.

Cosa prevede il decreto 59/2017

Tale decreto prevede che per diventare insegnante di sostegno si debba superare un concorso. I requisiti di accesso sono la laurea e gli ormai famosi 24 CFU in materie socio-psico-pedagogiche.

Una volta superato il concorso, si è ammessi al FIT, ovvero il percorso di Formazione Iniziale e Tirocinio. Durante il primo anno, bisogna seguire un corso di specializzazione in pedagogia, psicologia e didattica speciale.

Cosa succede se sarà approvata la nuova legge di bilancio

In caso di approvazione della nuova legge di bilancio (le modifiche quindi non sono ancora definitive) si prevede invece che non si debba più sostenere il FIT, ma seguire un percorso annuale di formazione iniziale e prova.

I nuovi requisiti per ottenere un posto di ruolo come insegnante di sostegno

Per partecipare al concorso per diventare insegnante di sostegno, occorre essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • abilitazione all'insegnamento o laurea idonea all'insegnamento e 24 CFU;

  • titolo di specializzazione su sostegno, come condizione necessaria.

Un ritorno al passato?

Se la legge di bilancio venisse approvata in questo modo, in sostanza si tornerebbe al passato, in quanto la specializzazione è richiesta come titolo d'accesso al concorso, quindi prima, e non viene conseguita dopo come invece avrebbe previsto il FIT.

Lavorare come insegnante di sostegno in attesa del concorso

Anche se non si possiede l'abilitazione o specializzazione, è comunque possibile fare supplenze come insegnante di sostegno, inviando la messa a disposizione.

Se si possiede un master BES o DSA c'è più probabilità di essere contattati in quanto tali titoli di studio sono comunque un valore aggiunto al proprio curriculum per quanto riguarda l'insegnamento ad alunni con bisogni speciali o disturbi specifici di apprendimento.

INVIA ORA LA MAD PER SOSTEGNO


DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio