Spending review sulla scuola: tagli per 100 milioni di euro

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Spending review sulla scuola: tagli per 100 milioni di euro

Cento milioni di euro in meno: è questo l'ammontare dei tagli della spending review sulla scuola imposti al Ministero dell'Istruzione.

A febbraio si sono sottratti settanta milioni per dare a tutti i docenti 96 euro di aumento, ai quali si aggiungeranno altri 18.

In questo modo, i 200 milioni di fondo originario scenderà a 112 milioni. Dall'anno prossimo il fondo dovrebbe aumentare nuovamente 160 milioni.

Il taglio delle spese è stato ripartito tra i vari ministeri, non riguarda quindi solo il Ministero dell'Istruzione. 

Non c'è quindi solo il bonus merito, ma anche altri capitoli di spesa. A perdere 20 milioni è la ex legge 440, quella indirizzata ad arricchire l'offerta formativa.

In questi anni sono state messe a bilancio ingenti risorse per rafforzare l'offerta didattica; il piano Fedeli ha dato fondi Pon per 840 milioni, e per tenere le scuole aperte anche il pomeriggio altri 240 milioni.

Tagli al fondo di funzionamento delle scuole

Questo fondo è stato istituito per finanziare i progetti presso le scuole e quelli ministeriali, e verranno sottratti ben 16 milioni, anche se il fondo di funzionamento, in confronto al passato, è doppio.

Risparmi sulla Carta del Docente

Anche i fondi per la Carta del Docente saranno ridotti: si risparmieranno fino a quattro milioni di euro, ma ad essere ridotto non sarà l'importo della Carta Docente, che rimarrà di cinquecento euro, ma sarà il numero effettivo dei beneficiari ad essere ridotto.

La speranza è che il denaro sia utilizzato per una formazione reale, e non per acquistare strumenti di elettronica come tablet e pc.

Piano nazionale scuola digitale

Verrà destinato un milione di euro in meno al PNSD: è uno dei tagli infatti che sono stati indicati inviati al Mef dal Miur.

Altre saranno poi le spese che verranno ridotte, ad esempio acqua, luce, consumi ordinari, telefonia.

Anche l'alternanza scuola-lavoro perde fondi

Il governo Lega - Movimento 5 stelle taglia fondi anche al progetto di alternanza scuola-lavoro. È stata la legge 107 ad aver introdotto questa pratica, da svolgersi durante gli ultimi anni delle scuole superiori. Consiste nello svolgimento di almeno quattrocento ore nelle scuole professionali e tecniche, e di duecento ore nei licei.

Le risorse per l'alternanza scuola-lavoro oggi ammontano a cento milioni, che derivano dai fondi Ue.

Alla spending review verranno lasciati quasi tre milioni di euro. Durante le prossime settimane, si potrà capire come le ore verranno rimodulate, in base agli indirizzi. 


DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio