Questo sito utilizza i cookie. Proseguendo nella navigazione ne accetti l’utilizzo (cookie policy)

Gestione dei casi Covid a scuola: le nuove regole

-
Gestione dei casi Covid a scuola: le nuove regole

Nessuna quarantena con un solo caso positivo in classe per gli alunni delle scuole primarie e secondarie, ma test antigenici o molecolari da fare subito e successivamente per poter rientrare a scuola. Quarantena obbligatoria, invece, quando i casi di Covid sono almeno 3 nella stessa classe. L'obbligo di restare a casa per 10 giorni scatta subito per tutta la classe, invece, per la scuola dell'infanzia (fino ai 6 anni) anche in presenza di un solo caso.

Sono alcune delle novità principali contenute nella bozza datata 7 ottobre - elaborata dal ministero della Salute, dell'Istruzione, dall'Istituto superiore di Sanità e da rappresentanti delle Regioni - con le 'Indicazioni per l'individuazione e la gestione dei contatti di casi Covid-19 in ambito scolastico'.

La bozza, si legge nel testo, sottolinea che la revisione delle misure di quarantena - per alunni, docenti e operatori scolastici - nasce dalla "necessità di favorire la didattica in presenza e rendere il più possibile omogenee a livello nazionale le misure di prevenzione attuale in ambito scolastico" anche "alla luce dell'aumento della copertura vaccinale e della riduzione della circolazione di SARS-Cov-2 in comunità". 

Le indicazioni operative

Le tabelle della bozza suddividono i casi tra fascia 0-6 anni e scuole primarie e secondarie. Per la fascia d'età 0-6 anni, a fronte di un solo caso positivo tra gli alunni, la quarantena di 10 giorni è obbligatoria per tutti. Anche per gli educatori e per gli altri operatori scolastici, quarantena di 10 giorni, o 7 se vaccinati da almeno 14 giorni (come previsto dalla circolare del ministero della Salute dell'11 agosto scorso).

In ogni caso, tutti dovranno effettuare appena possibile un test antigenico o molecolare, da ripetere anche al termine della quarantena prima di rientrare a scuola. Se invece si è in presenza di un caso positivo tra gli educatori/operatori scolastici, l'obbligo di quarantena di 10 giorni ci sarà per i bambini delle sezioni o dei gruppi in cui l'insegnante ha svolto attività in presenza. Mentre per gli educatori scolastici, che hanno svolto attività in compresenza con l'insegnante o operatore scolastico positivo, la quarantena sarà obbligatoria solo se non vaccinati/negativizzati negli ultimi 6 mesi.

Mentre, se vaccinati/negativizzati negli ultimi 6 mesi, non servirà la quarantena ma il test e il rientro a scuola potrà avvenire con tampone negativo. Nel caso di altri operatori scolastici che hanno svolto attività specifiche di intersezione con il gruppo/sezione interessato dal caso positivo, non è previsto alcun provvedimento sanitario.

Misure diverse per le scuole primarie e secondarie

In presenza di un caso positivo tra gli alunni, non sarà obbligatoria la quarantena ma la 'sorveglianza con testing', e il rientro a scuola potrà avvenire esclusivamente dopo un tampone negativo. Lo stesso vale per i docenti che hanno svolto attività in presenza nella classe del caso positivo. Unica eccezione, per i non vaccinati/negativizzati negli ultimi 6 mesi: per loro ci sarà l'obbligo di quarantena.

Analoghe misure se i casi positivi tra gli alunni sono 2 mentre - si legge nella tabella della bozza - qualora i casi diventassero 3, sarebbe obbligatoria la quarantena per tutta la classe. Le stesse indicazioni saranno applicate qualora i casi positivi si registrassero nelle scuole primarie e secondarie tra gli insegnanti/operatori scolastici. 

Ultimi aggiustamenti in settimana

La bozza, che in quanto tale potrà ancora essere modificata, sarà secondo quanto si apprende al centro di un incontro dei sindacati con il capo di dipartimento del ministero dell'Istruzione, Jacopo Greco, previsto in settimana.

 



DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio
02 400 31 245