Concorso straordinario e ordinario: approvato ufficialmente il Decreto Scuola

-
Concorso straordinario e ordinario: approvato ufficialmente il Decreto Scuola

È stato finalmente approvato dal Consiglio dei Ministri il Decreto Legge inerente il Concorso Ordinario e Straordinario, e altri provvedimenti importanti per il mondo dell'istruzione italiana.

Il testo approvato oggi è il frutto dell'intesa tra governo e sindacati, e contiene delle misure straordinarie non solo per la scuola ma anche per l'Università, gli AFAM e il mondo della ricerca.

Tutti i punti del Decreto Scuola approvato

La versione del Decreto approvata ieri contiene diversi provvedimenti, eccoli:

  • concorso straordinario scuola secondaria

  • concorso ordinario scuola secondaria (per il quale servono ancora i 24 CFU)

  • vincolo di permanenza per chi è neoassunto per 5 anni nella stessa scuola

  • riforma dei concorsi per Dirigenti Scolastici

  • revisione della procedura per gli appalti delle pulizie a scuola

  • proroga delle Graduatorie di Merito del Concorso 2016 e procedura per assunzione in altre regioni di concorso 2016 e 2018 nel 2020/21

  • esclusione dei Dirigenti Scolastici e personale ATA dalla rilevazione delle impronte digitali

  • concorso del Dirigenti tecnici

  • estensione del bonus merito ai docenti precari

  • concorso per dirigenti tecnici

SCARICA IL TESTO DEL DECRETO APPROVATO

Concorso straordinario scuola di I e II grado

Il concorso straordinario prevede 24.000 posti, da suddividere tra posto comune e sostegno.

Il concorso sarà bandito per le regioni, classi di concorso e tipologie di posti per le quali si prevede che vi siano, negli anni scolastici dal 2020/2021 al 2022/2023 posti vacanti e disponibili.

La graduatoria di merito che scaturirà dal concorso sarà comunque ad esaurimento e potrà essere utilizzata – secondo le norme previste per le assunzioni a tempo indeterminato – anche dopo l’a.s. 2022/23.

Requisiti per partecipare al concorso straordinario

  • titolo di studio valido per l’accesso all’insegnamento

  • tre anni di servizio svolti tra l’a.s 2011/12 e l’a.s. 2018/19 nelle scuole statali secondarie su posto comune o di sostegno, di cui uno specifico per la classe di concorso richiesta.

Per la partecipazione al concorso per i posti di sostegno è necessario essere in possesso della relativa specializzazione.

Il servizio è considerato valido se prestato come insegnante di sostegno oppure in una classe di concorso.

Ciascun docente può partecipare in una sola regione e per una sola procedura (sostegno o posto comune).



DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio