La storia di Giulia, in classe come docente nella scuola frequentata dal padre 50 anni prima

-
Aggiornamento GPS 2024 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI
La storia di Giulia, in classe come docente nella scuola frequentata dal padre 50 anni prima

Questa potrebbe essere una delle tante storie di insegnanti, invece è un po' diversa: è la storia di Giulia, calabrese, che è diventata insegnante proprio nella scuola dove il padre aveva studiato 50 anni prima, a Milano.

Ecco la vicenda, raccontata dal quotidiano "Il Giorno".

Il padre è nato a Milano nel 1961 da genitori calabresi, ha frequentato alla fine degli anni Sessanta la scuola primaria di Crescenzago, nell’hinterland milanese. Negli anni Ottanta Giuseppe tornò in un paese di tremila abitanti in provincia di Catanzaro per lavoro e amore, dove formò la sua famiglia. Cinquant’anni dopo, sua figlia Giulia, 27 anni, è diventata insegnante nella stessa scuola in cui il padre aveva studiato.

Giulia, dopo la laurea in Scienze della Formazione, si è trasferita a Milano tre anni prima, ma non si aspettava di finire proprio nella scuola dove il padre aveva studiato. Quest’anno, dopo aver insegnato matematica, è diventata insegnante di sostegno proprio alla Perasso e ne è molto felice.

Al quotidiano Il Giorno, Pino ricorda i suoi anni di scuola e come il mondo sia cambiato. Ricorda le giornate trascorse giocando a bocce durante l’intervallo, le gare a chi urlava “macchina” per primo quando passava un’auto, e i pomeriggi passati a Crescenzago tra i palazzi. Per Pino a scuola, ai suoi tempi, c’era più rispetto e soprattutto faceva sognare. Il consiglio che dà a sua figlia è di non smettere mai di sognare, perché solo così potrà far sognare i suoi studenti.

Per Giulia, insegnare è il lavoro della sua vita e non farebbe altro. Anche da bambina aveva sognato di fare la veterinaria o la scienziata, ma alla fine ha scelto di diventare insegnante perché ama aiutare i bambini a crescere e a sviluppare il loro potenziale.

La vita, a Milano, però, non è facile: “Durissimo per le spese, a scuola invece mi sono trovata benissimo. Ho avuto l’appoggio di mia cugina per il primo mese. A Cosenza avevo affittato una stanza con altre studentesse e pensavo di fare lo stesso. Mai mi sarei immaginata che fosse così complicato. E i prezzi: 500, 550, 600 euro per una stanza piccolissima, senza bagno né balconi. E il primo stipendio arriva a dicembre”.

E ancora: “Gli insegnanti che vivono a Milano fanno davvero fatica. A volte penso che un aumento territoriale, viste le spese diverse, ci starebbe. Al tempo stesso, però, penso che per responsabilità e carichi di lavoro l’aumento andrebbe esteso a tutti”.


Aggiornamento GPS 2024 - Clicca qui e ottieni subito 2 PUNTI

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio
02 400 31 245