Sciopero scuola del 27 febbraio: come comportarsi

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Sciopero scuola del 27 febbraio: come comportarsi

Domani 27 febbraio il personale della scuola scenderà in piazza per  scioperare, dopo che è stato il turno nelle scorse settimane degli studenti.

A indire lo sciopero è Unicobas, per protestare contro l'intenzione di voler regionalizzare le scuole e le università.

Vanno garantite le prestazioni indispensabili

Se c'è lo sciopero dei servizi pubblici essenziali, come la scuola, bisogna garantire le prestazioni indispensabili.

In questo caso, il dirigente scolastico deve formare un gruppo minimo di docenti che non scioperi.

Non si è tenuti a comunicare che si sciopera

I docenti o il personale scolastico che decide di scioperare non è tenuto a comunicarlo a nessuno, nemmeno al dirigente, anche se è abitudine dirlo lo stesso giorno dello sciopero alla scuola.

Coloro che non partecipano, devono garantire la prestazione lavorativa per le ore di lavoro previste, ma non possono lavorare più di quanto richiesto. Il docente però può cambiare classe oppure orario.

Chi dispone del giorno libero in tale giorno non ha l'obbligo di specificare se sciopera o non sciopera, non deve essere chiamato a scuola per sostituire docenti, e non può perdere lo stipendio.


DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio