8 milioni di studenti di nuovo in classe: aumentano le convocazioni da messa a disposizione

-
8 milioni di studenti di nuovo in classe: aumentano le convocazioni da messa a disposizione

Lunedì 1 febbraio potrebbe essere il giorno che registrerà il ritorno in classe di tutti gli studenti delle scuole superiori. Molto dipenderà dal report settimanale dell’Istituto superiore di sanità, atteso per le prossime ore. Alle sette regioni (Veneto, Friuli Venezia Giulia, Basilicata, Campania, Puglia, Calabria e Sardegna) che hanno già disposto il rientro dei ragazzi in presenza al 50%, alternandosi in classe, potrebbe aggiungersi la Sicilia. L’isola è allo stato attuale in zona rossa, ma il nuovo monitoraggio potrebbe declassarla ad arancione, con conseguente addio alla didattica a distanza.

Nel caso in cui dunque scattasse il semaforo verde al rientro anche per gli studenti siciliani, dunque, con la ripresa delle lezioni in presenza, lunedì, per tutti i 2,5 milioni di studenti delle scuole superiori italiane si completerebbe il quadro del rientro degli 8,3 milioni di studenti della penisola.
 

Sono comunque ancora molti i docenti che mancano. È fondamentale pertanto continuare a inviare la propria domanda di messa a disposizione, specificando titoli, servizi svolti e classi di concorso.

All'inizio del nuovo anno infatti molti docenti sono solitamente assenti per malattia, in numero più elevato per via del periodo invernale, e tanti insegnanti devono essere sostituiti. Il numero degli insegnanti da sostituire è maggiore quest'anno a causa del SARS-CoV-2.

Reclutamento personale Covid

La pandemia ha purtroppo fatto incrementare ulteriormente il numero di cattedre vacanti, e possono essere diversi i motivi di assenza dal lavoro, ad esempio:

- un docente può contrarre il virus e risultare positivo, quindi va in malattia;

- anche se è asintomatico e potrebbe lavorare in Dad, il docente va in malattia e la scuola decide comunque di chiamare un supplente;

- a contrarre il virus potrebbe essere comunque un contatto stretto del docente, che dovrebbe assistere (ad esempio il figlio o un genitore anziano) trovandosi così impossibilitato a lavorare.

In tutti questi casi, la scuola è costretta a fare ricorso ai supplenti, tramite le graduatorie e la messa a disposizione.

Le assunzioni straordinarie nella Scuola sono effettuate dai dirigenti degli Uffici Scolastici Regionali (USR), scorrendo le graduatorie d’Istituto. I dirigenti scolastici provvedono a comunicare il fabbisogno di personale per le propri scuole agli USR, che assegnano le risorse necessarie per assumere.

Qualora non ci fossero abbastanza nominativi nelle graduatorie d'istituto, o i docenti rifiutassero le convocazioni, le scuole convocano i docenti tramite la messa a disposizione. 

Per tutte queste ragioni inviare la mad online in questo momento dell’anno è molto indicato, e ci sono probabilità maggiori di essere chiamati per una supplenza.



DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio