Questo sito utilizza i cookie. Proseguendo nella navigazione ne accetti l’utilizzo (cookie policy)

Interpello supplenze docenti: cos'è e come funziona

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Interpello supplenze docenti: cos'è e come funziona

Ci sono diverse strade per iniziare a lavorare nel mondo della scuola, tra queste le graduatorie GPS, la messa a disposizione, ma non solo. C’è un’ulteriore possibilità per gli aspiranti supplenti: è l’interpello. Le scuole, specialmente a inizio anno, dopo che risultano esaurite le graduatorie GPS, le graduatorie di Istituto e degli istituti viciniori, e accertata la mancanza di MAD idonee, cercano gli insegnanti con interpello.

Cos'è l'interpello docenti

L'interpello, su base interregionale, è quella modalità di ricerca del docente a tempo determinato, su base nazionale, qualora si dovesse verificare l'esaurimento delle GPS, delle graduatorie di istituto e delle MAD. È necessaria un'adeguata e capillare comunicazione dell'interpello attraverso la pubblicazione dello stesso oltre che sul sito istituzionale della scuola, anche su quello degli Ambiti e degli USR.

 

Come funziona l'interpello

Al fine di risolvere il perdurante problema della mancata copertura di alcuni posti disponibili e vacanti per l’anno scolastico 2021-2022 le scuole possono, in caso si verifichino alcune condizioni che impediscono altra forma di nomina di supplenti, “interpellare” gli aspiranti a supplenze, su base nazionale, e ne possano riscontrare la disponibilità o meno ad accettare la proposta di assunzione mediante messaggio di posta elettronica con tutte le informazioni riguardanti la supplenza offerta.

Gli interpelli possono essere nazionali e quindi possono inoltrare domanda tutti i candidati a livello nazionale, purché siano in possesso dei requisiti richiesti per quella determinata classe di concorso, per la quale si registra la carenza di docenti, o meglio, per le quale risultano esaurite tutte le graduatorie e non ci sono MAD idonee.

Interpello per chi è inserito nelle GPS

Anche gli aspiranti inseriti nelle GPS possono rispondere a un interpello. Di fatto il ministero con la nota 29502 del 27 settembre autorizza le scuole “in via eccezionale, limitatamente all’anno scolastico in corso”, a procedere alla nomina del personale docente messosi a disposizione anche se incluso in GPS o in graduatorie di istituto di altre province.

Come rispondere all’interpello

La domanda di disponibilità dovrà essere corredata di ogni dato utile al fine di verificare i requisiti di accesso alla classe di concorso specificata, come indicato nel DPR 19/2016 e DM 259/2017.


Approfondisci l'argomento con un consulente


DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio
02 400 31 245